Lettere d’amore e d’impegno politico: consultabili online le Carte di Andrea Costa

di Antonella Pagliarulo 21 ottobre 2010 0

Le Carte di Andrea Costa – il primo socialista eletto in Parlamento nelle elezioni del 1882 – sono consultabili online nel portale IBC archivi: dalle lettere d’amore ad Anna Kuliscioff – “Nina mia amatissima” – redatte nel carcere di Perugia, alla corrispondenza con i compagni di lotta, dalle missive alla famiglia ai rapporti epistolari con le organizzazioni politiche del tempo. Sono, al momento, quasi 4800 i documenti digitalizzati disponibili in rete. In occasione del centenario della morte di Andrea Costa (1910-2010), il Comune di Imola, luogo di nascita dell’uomo politico, ha promosso il riordino e l’inventariazione delle Carte Andrea Costa conservate presso l’Archivio storico comunale di Imola, con la pubblicazione in rete dell’inventario e la digitalizzazione del carteggio.
Le “Carte” sono ordinate in 17 fascicoli, 11 volumi, 2 registri e 1 album, la documentazione si estende dal 1872 al 1960 comprendendo materiali raccolti in onore del deputato socialista e una miscellanea di carte.

Pubblicate su IBC archivi, il portale di consultazione e navigazione on-line degli archivi e della banca dati dei soggetti conservatori storici dell’Emilia Romagna gestiti nella piattaforma xDams, le carte di Andrea Costa consultabili online si affiancano all’ampia documentazione sul deputato socialista resa disponibile in rete grazie ad altri progetti realizzati da regesta.exe, tutti finalizzati alla valorizzazione e accessibilità della documentazione storica: dall’inventario sulle iniziative parlamentari – a tutela del lavoro e della sicurezza sul lavoro, per l’estensione del diritto di voto – promosse dal socialista romagnolo (che fu anche vicepresidente della Camera nel 1909) consultabile dall’archivio storico della Camera dei deputati a quello del fondo Costa accessibile online nel portale della Fondazione Feltrinelli.

FacebookTwitterTechnorati FavoritesWordPressSlashdotOknotizieShare