True Lod. Nasce Synapta

di 5 marzo 2016 0

Quest’anno abbiamo pensato di partecipare all’appuntamento annuale dell’International Open Data Day in un modo diverso dal solito. Lo facciamo contribuendo alla nascita di un nuovo progetto, Synapta, una start up dedicata a proporre una nuova filiera di servizi e prodotti per la gestione e la condivisione dei dati, utilizzando le tecnologie Linked Data. (synapta.it)
Synapta nasce come spin-off del Centro Nexa per Internet & Società del Politecnico di Torino per iniziativa di Federico Morando, ex direttore di ricerca di Nexa e ora presidente e CEO di Synapta, e Alessio Melandri, il più giovane fellow del Centro Nexa. Regesta.exe e Celi, azienda torinese leader nelle tecnologie semantiche per estrarre valore dal linguaggio naturale, sostengono questa iniziativa con un piano di investimento congiunto e con tutto il bagaglio di esperienze, competenze e progetti maturati nel campo del Semantic Web nel corso degli ultimi anni.
“La nostra visione – dice Federico Morando, presentando Synapta – è un’Internet dove i dati lavorano per le persone … La sfida che lanciamo è fare ‘Linked Data per davvero’: per risolvere i problemi quotidiani delle aziende, delle pubbliche amministrazioni e dei singoli cittadini. Partiamo dall’Italia, ma con una rete che è già europea, ed un orizzonte di riferimento globale.”
La decisione di partecipare a questa nuova impresa si basa per noi su alcune “buone ragioni”.

Partecipiamo alla nascita di Synapta perché siamo sicuri che le tecnologie Linked Data siano lo strumento migliore per la gestione della conoscenza e l’efficienza dei processi; perché vogliamo continuare ad occuparci di dati, per davvero

Siamo convinti che tutto il bagaglio di tecniche, standard e pratiche connesse al mondo Linked Data rappresentano la strumentazione migliore per estrarre conoscenza da dati eterogenei e distributi, per rendere più efficienti e sostenibili i processi informativi in strutture complesse, per moltiplicare le occasioni e le opportunità di utilizzo innovativo di informazioni interoperabili. Scommettiamo, come facciamo ormai da tempo, sulle capacità di espansione di questo mercato in ambiti diversi e sull’esigenza che in questo campo si attivino una pluralità di intelligenze e di nuovi attori. Riteniamo che per raggiungere questi obiettivi sia necessario accorciare le distanze tra ricerca accademica e impresa e che la reciproca contaminazione sia un fattore strategico di crescita per entrambi i due mondi.
Tutto questo vuole essere Synapta. E su questi presupposti, in una fortunata coincidenza di intenti, abbiamo trovato una naturale sintonia con alcune persone con le quali non da ora esiste una consuetudine di confronto e di progetto, con Federico e Alessio, con Vittorio Di Tomaso e Giampaolo Mazzini di Celi.
Per contribuire fattivamente all’Open Data Day 2016 (e siamo giunti ormai alla quarta edizione in Italia), Synapta ha deciso di promuovere con il Centro Nexa un hackathon sul tema “uso dei soldi pubblici”. “IODD 2016 – Hunting 4 data hunters!” si tiene oggi dalle 10:00 alle 18:00, al Politecnico di Torino (https://nexa.polito.it/iodd2016).

L’obiettivo è fare chiarezza su come le pubbliche amministrazioni spendono i nostri soldi: e a breve avremo un po’ di numeri più interessanti da condividere. Stiamo infatti analizzando un grafo di 3,127,346 lotti di contratti, assegnati da 12,681 enti pubblici, con 604,810 aziende partecipanti (e le informazioni su tutte le “alleanze” tra loro in fase di partecipazione agli appalti). Insomma, una mole di dati collegati tra loro da cui stanno stanno già emergendo cose degne di nota.

Share