Un archivio digitale per la storia dell’opera e del teatro musicale dell’Umbria

Con la Regione Umbria per un progetto di valorizzazione sul territorio
di redazione 24 novembre 2016 0
lettera

Lettera di Arrigo Boito al maestro Luigi Mancinelli (Fondo Adriano, Carlo e Riccarda Belli)

E’ stato avviato, sulla piattaforma open source xDams il progetto di catalogazione del patrimonio bibliografico musicale, audio e inedito della Fonoteca Regionale “Oreste Trotta”.

Il progetto nasce per iniziativa della Regione Umbria che ha affidato la valorizzazione del patrimonio della fonoteca al Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto, che ha già un sistema informativo atto alla fruizione del patrimonio bibliografico e archivistico di quell’istituzione.

Il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto – fondato nel 1947 da Adriano Belli, avvocato e musicologo, per valorizzare i giovani talenti nel campo dell’opera lirica –  con il Centro Studi Belli-Argiris-Centro di documentazione del Teatro Lirico, che possiede un archivio storico, la biblioteca, la nastroteca e  la videoteca, ha adottato xDams per la costruzione del proprio archivio digitale.

Libri, manoscritti, stampe musicali, carte, lettere di musicisti, spartiti, dischi, nastri e molto altro documentano la storia dell’opera e del teatro musicale nel territorio

La fonoteca regionale “Oreste Trotta” trae origine dall’acquisto, effettuato nel 1977, da parte della Regione, del fondo discografico e librario appartenuto al notaio perugino Oreste Trotta. Tale fondo inizialmente incentrato sulla musica colta occidentale di cui sono presenti la quasi totalità dei titoli prodotti tra il 1950 e il 1970, si è nel tempo arricchito di altri importanti materiali musicali, sonori e a stampa.

La fonoteca opera  come servizio di documentazione finalizzato alla raccolta di supporti fonografici (dischi, cassette, nastri, CD) partiture e spartiti di musica classica e  possiede un patrimonio di circa 30.000 dischi, 5.000 CD e 1.800 nastri a bobina registrati, nonchè 15.000 stampe musicali, 1.700 libri e 430 manoscritti.

Il progetto, nato dalla collaborazione tra  Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto e Regione Umbria è finalizzato alla costruzione e pubblicazione online di un archivio digitale

Prevale il repertorio classico, ma non mancano sezioni di musica contemporanea di alto valore documentario (registrazioni di programmi RAI degli anni ’60 e ’70).
Il progetto è finalizzato alla costruzione di un archivio digitale, la sua messa in rete, nonché la consultazione e fruizione on-line

La notizia sui media locali: Spoleto online, Tuttoggi.info, Due mondi News, Umbria Cronaca