Al via la V edizione di Visioni fuori raccordo

di 25 Novembre 2011 0

Come nelle precedenti edizioni il festival, attraverso la produzione audiovisiva che promuove, seleziona e mette in competizione, punta  l’obiettivo sulle periferie del nostro paese,  per indurre  lo spettatore a riflettere su realtà e situazioni “ai margini” spesso drammatiche, “invisibili” e inedite. I 10 documentari selezionati  raccontano le aree periferiche dei nostri centri urbani,  con le loro situazioni di degrado sociale e morale, con le loro storie di “resistenza” e di “accoglienza”.

I 10 documentari selezionati  raccontano le aree periferiche dei nostri centri urbani,  con le loro situazioni di degrado sociale e morale, con le loro storie di “resistenza” e di “accoglienza”.

La giuria, composta da Cecilia Mangini, fra le più importanti esponenti del cinema italiano, Marco Bertozzi, documentarista e storico del cinema, e Antonio Medici, critico cinematografico e docente universitario, assegnerà un premio alla Migliore opera e due menzioni speciali: Memoria e Migranti. L’opera vincitrice sarà inserita nella programmazione primaverile del Nuovo Cinema Aquila. Un omaggio ad Ansano Giannarelli, autore e regista recentemente scomparso, fra gli ‘ispiratori’  del festival, chiuderà questa V edizione.
Per l’occasione sarà presentato, grazie alla collaborazione dell’AAMOD e di Rai Teche, il film La ‘follia’ di Zavattini prodotto da Rai con la collaborazione di Reiac Film. Il Festival, diretto da Luca Ricciardi con il coordinamento artistico di Giacomo Ravesi, è realizzato grazie al contributo della Regione Lazio – Assessorato alla Cultura, Arte e Sport e al sostegno della Roma Lazio Film Commission e dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico ed è prodotto dall’Associazione LABnovecento in collaborazione con il Circolo Gianni Rodari Onlus.

regesta.exe, che ospita sulla piattaforma xDams la banca dati del Festival, è anche sponsor di Visioni Fuori Raccordo.
Per consultare l’archivio dei video selezionati in tutte le edizioni del festival clicca qui

Il sito del Festival per consultare il programma

Share