L’adozione della filosofia open-source: lo sviluppo di xDams

di 12 Luglio 2012 0

In occasione della “liberazione”  della piattaforma archivistica di regesta.exe in versione Open Source, pubblichiamo  l’articolo di Giovanni Bruno apparso sull’ultimo fascicolo monografico di “Archivi & Computer” (1/2012)  interamente dedicato a “Software open-source per gli archivi”.  Eccone un abstract: la soluzione xDams prende forma a partire dal 2001: le sue principali caratteristiche sono l’utilizzo del Web per l’accesso ai servizi, l’adozione del modello ASP per la loro erogazione e la scelta del formato  XML per la conservazione dei dati. La disponibilità del codice sorgente libero, riutilizzabile e modificabile appare ormai la strada privilegiata per sostenerne lo sviluppo attraverso la cooperazione in rete, la moltiplicazione delle occasioni di impiego, una più ampia base di supporto tecnico e progettuale. Dopo gli Open Format, l’Open Source e l’Open Data rappresentano oggi  le principali opportunità per una presenza autonoma e attiva del settore dei beni culturali sul mercato digitale.

Share