Piu si chiamava un numucastu ri tanta dignità tanto luttò pi la nostra terra Siciliana unnice’ puvirtà

In memoria di Pio La Torre nella Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
di 21 Marzo 2018 0

A lu caru amicu persu la genti tantu lu cunusceva e lu voleva beni picchi Piu si chiamava un numucastu ri tanta dignità
tanto luttò pi la nostra terra Siciliana unnice’ puvirtà odio e interessi ri ogni geniri ambiziusi
Circò tantu pi fari aviri alli nostri frati cuntadini un  pezzu ri terra ca tantu sururi e lacrimi anno sempri ittatu nellu turrenu pi ricavari i frutti pe supravvivenza ri lu nostru populu
Eppure u nostru caru amicu Piu ca saviva assunta la Santa missioni ri diffinnirci e farici aviri i diritti ca spittavanu ai cuntadini e a tutti i lavuratori onesti
ia a finire puri in carcire stu Caru Amicu, stannu luntani ra muggheri e li figghi ca tantu amuri e rispettu avivanu fra ri luru na famigghia
Piu ca tanto rici stu nomu ri divuzioni e sapienza. La Turri cugnomi puri giusti e apprupriatu.
Picchi’ seculi fà li turri sirbivanu pi difenniri la puvira genti di tanti mali ca ci putiva viniri.
Uora picchi’ unomu ca tanti principi sani buoni e disinteressati aviva lavemu ammazzatu? Livannulu a sa famigghia
ca tantu si vulivano beni e a noi tutti Siciliani ca cu tantu amuri e divuzioni diffinniva e ni voleva beni?

Poesia in memoria di Pio La Torre, scritta nello stile dei cantastorie da Pietro Pasqua, gestore di una trattoria di Palermo, e  fatta pervenire il  12 giugno 1985 alla vedova dell’uomo politico siciliano ucciso dalla mafia il 30 aprile 1982.

La lettera di accompagnamento alla poesia per Giuseppina Zacco e la poesia sono tratte dall’Archivio digitale Pio  La Torre.

 

 

Share