La tomba Brion a San Vito nei disegni di Carlo Scarpa

di 20 Giugno 2012 0

In mostra  al MAXXI  schizzi, studi,  disegni costruttivi,  conservati  negli archivi di architettura del Museo,  della Tomba Brion di San Vito d’Altivole,  capolavoro dell’architetto Carlo Scarpa.
Dal 16 giugno 2012 al  13 gennaio 2012 saranno esposti nella Sala Centro Archivi di Architettura i disegni originali, i prototipi del maestro veneziano, sul  monumento realizzato per la famiglia Brion ( fondatrice della Brion Vega) e gli scatti del fotografo  Guido Guidi, che ha lavorato sul tema della Tomba Brion realizzando oltre 600 fotografie.

Il MAXXI B.A.S.E. – Biblioteca, Archivi, Studi, Editoria  – conserva  un intero fondo dell’architetto, che ne  documenta  l’intera attività, dall’architettura all’arte, dal design di mobili agli oggetti di arredo.

Il  sistema di cataloghi e materiali digitali ad oggi disponibili,  i contenuti documentali e artistici del MAXXI B.A.S.E.  – archivi storici, archivi fotografici, archivi per le opere  d’arte contemporanea, tutti  descritti in xDams  –  sono accessibili dal portale,  articolato nelle due sezioni di Arte e Architettura.

In mostra al MAXXI  schizzi e disegni   di Carlo Scarpa per la realizzazione della  tomba Brion a San Vito.  Il  portale del Museo consente di  consultare l’intero fondo dell’artista veneziano,   gli archivi personali degli architetti, disegni e schizzi autografi di progettisti italiani e stranieri, fotografie d’autore, “album” d’autore per i  progetti sul territorio, le opere in collezione del MAXXI.

Nella sezione MAXXI Architettura si naviga negli archivi storici personali di architetti e ingeneri (tra gli altri  Carlo Scarpa, Aldo Rossi, Enrico Del Debbio, Carlo Aymonino, Pier Luigi Nervi)  conservati tra le collezioni XX secolo del MAXXI. Si esplorano fondi, serie, unità archivistiche, comprendenti progetti, materiali grafici, fotografie, documenti descritti secondo le norme ISAD dell’archivio storico xDams.  Se presenti si visualizzano gli allegati digitali.
Con le collezioni del  XXI secolo si accede alla consultazione  dei fondi e delle unità documentarie contenenti disegni e schizzi autografi di progettisti italiani e stranieri acquisiti in occasione delle mostre allestite presso il museo o tramite donazioni.
Le collezioni di fotografia consentono di esplorare  le 1000 fotografie d’autore acquisite a partire dal 2003 tramite progetti di committenza inseriti in programmi di ricerca e di analisi del territorio italiano. Attraverso la navigazione per Autori si visualizzano le relative schede biografiche  e tutte immagini allegate, descritte secondo le norme della scheda F  del modello di archivio fotografico xDams. Con il canale di accesso Progetti di committenza si naviga tra gli “album” d’autore realizzati all’interno dei progetti sul territorio.
Dalla sezione  MAXXI Arte si esplorano le opere in collezione: con un filtro alfabetico si selezionano gli artisti e si visualizzano le schede descrittive delle singole opere, realizzate secondo lo standard di descrizione OAC  sviluppato nel modello archivi xDams per opere d’arte contemporanea. La scheda è corredata dall’immagine dell’opera e da link di collegamento all’archivio fotografico delle opere in collezione.
L’Archivio del Contemporaneo del MAXXI Arte dà accesso alla eterogenea raccolta documentale del Museo, comprendente materiali su supporti cartacei o digitali, tra i quali  video, cartelle e rassegne stampa, inviti, locandine, pieghevoli, manifesti, fotografie e filmati prodotti in parte dal MAXXI e in parte pervenuti da artisti e istituzioni.  Organizzato in tre macroaree (opere in collezione, Attività 2000-2010, Artisti in collezione) l’archivio permette una navigazione ad albero tra le serie e le unità archivistiche, descritte nel modello xDams per archivi storici, arricchito di sezioni per la descrizione e l’”upload” di materiali multimediali eventualmente presenti nella documentazione.

Share