Afro. Dal progetto all’opera 1951-1975

di 15 Ottobre 2012 0

Afro Basaldella con Vera Stravinskij.
L’immagine piccola della lista ritrae Afro alla Galleria Pogliani

Nelle immagini dell’archivio Luce Afro affresca in diretta le pareti del  Tempo di Bacco,  storico locale romano.  Al pittore udinese  il Museo Carlo Bilotti all’Aranciera di Villa Borghese, dedica fino al 6 gennaio, la mostra  “Afro. Dal progetto all’opera. 1951-1975” : in occasione del centenario della nascita dell’artista, fondatore assieme a Turcato, Vedova  nel 1952 del “Gruppo degli Otto”,  l’esposizione illustra le diverse fasi progettuali delle opere dl pittore. Grazie alla banca dati dell’Archivio Luce – unico “repository” di immagini in movimento  sulla vita intellettuale in Italia nel secondo dopoguerra – è possibile restituire il clima di un’epoca e ricostruire le abitudini e le occasioni di  socialità degli artisti dagli anni Cinquanta agli anni Settanta …

Dunque Corrado Alvaro, Giorgio De Chirico, Goffredo Petrassi sono riuniti nel locale per il premio Quattro Stagioni (è il luglio del ’46, il cinegiornale è La Settimana Incom n. 18);  nello speciale della Incom sul mercato d’arte “Quadri come frigoriferi” un’opera di  Afro appare  nel catalogo,  per un valore di 2 milioni a (La Settimana Incom 02398, 1963 ); nel Radar n. 332 del 1970 una mostra fotografica sui frequentatori del Caffè Greco  ritrae Afro con Aldo Palazzeschi; nel 1978 (il Radar n. 877) le opere di  Afro Basaldella sono in bella mostra  – purtroppo in bianco e nero – alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna  che dedica al pittore scomparso una ricca retrospettiva.  L’Archivio cinematiografico del Luce conserva anche un bel documentario della Opus sui pittori italiani del Dopoguerra, i fondi fotografici Vedo e Dial  mostrano rispettivamente l’artista nel 1958 alla Mostra di Vera Stravinsky,  nel 1959 con Giuseppe Santomaso alla Galleria Pogliani

Clicca qui per approfondire il progetto Luce e la sua storia

Share