Presentazione a Roma del film Senza Rossetto

Proiezione e incontro all’Aamod il 30 gennaio 2019
di 16 Gennaio 2019 0

Ritratto a cura di Silvana Profeta

Il 30 gennaio la Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico ospiterà presso la propria sede in Via Ostiense, 106 la proiezione del documentario Senza Rossetto, regia di Silvana Profeta, da un’idea di Emanuela Mazzina e Silvana Profeta, prodotto da regesta.exe in collaborazione con la Fondazione Aamod

Il film di Silvana Profeta, con il montaggio di Milena Fiore, indaga attraverso video-testimonianze, girati, materiali di repertorio resi disponibili dall’Aamod e dall’archivio Luce Cinecittà, la costruzione dell’immaginario femminile intorno agli anni che precedono il 2 giugno del 1946, data che vede le donne italiane acquisire per la prima volta il diritto al voto e diventare soggetto politico attivo nella costruzione dell’identità nazionale.

L’evento si articolerà in un incontro di presentazione del documentario, e dell’omonimo progetto a monte, con interventi sul rapporto tra presenza femminile e costruzione della memoria collettiva, sulle metodologie e il valore di raccolta delle fonti orali per progetti storici e per la didattica, quindi nella proiezione del film Senza Rossetto (colore e b/n, durata 52’).   

Il 30 gennaio a Roma presso la Fondazione AAMOD il film di Silvana Profeta prodotto da regesta.exe sull’immaginario pubblico femminile alla vigilia del voto del 1946. Ingresso libero

Una ricerca sull’immaginario pubblico femminile alla vigilia del voto del 1946

Tappa essenziale di un progetto cross-mediale avviato nel 2016 da Silvana Profeta, antropologa visuale, ed Emanuela Mazzina, archivista, con il nome di Senza Rossetto per il riferimento alla raccomandazione impartita alle elettrici di evitare il rossetto per non sporcare la scheda che doveva essere umettata e incollata, pena l’invalidazione, il documentario diventa il luogo della ricostruzione di un immaginario femminile dello spazio pubblico.

Il film costruisce  una narrazione polifonica e complessa,  volendo raccogliere le storie personali ed intime di tante donne – distanti per classi sociali e geografie, per ideali e visioni del mondo – riattivare i ricordi del passato su alcuni temi scelti – la dittatura, la guerra, l’antifascismo, la libertà raggiunta –  ed innescare riflessioni sul presente e sul futuro che ancora le attende, permettendo una rilettura della memoria collettiva attraverso il dipanarsi di memorie minute, emotive e nascoste, mai completamente date una volta per tutte e sempre interrogabili nel tempo.

Ritratto a cura di Silvana Profeta

Il film “Senza Rossetto” è stato proiettato per la prima volta a Firenze lo scorso 22 novembre al Festival di Cinema e Donne di Firenze, a due anni dalla presentazione, sempre al Festival, della versione pilota, il cortometraggio di Senza Rossetto, vincitore di un significativo riconoscimento assegnato da una giovanissima giuria di 300 studenti, il Premio Anna Magnani.  Il progetto è stato presentato alla seconda Conferenza nazionale di Public History, ad un corso di formazione per docenti presso l’Archivio storico del Quirinale, nei laboratori di storia multimediale per studenti presso l’Istituto Luigi Sturzo e del progetto Sguardi e Storie di Napoli.

Una rilettura della memoria collettiva attraverso il dipanarsi di memorie minute, emotive e nascoste, mai completamente date una volta per tutte e sempre interrogabili nel tempo

L’archivio digitale

Senza Rossetto è un progetto in divenire, interessato ad accogliere nuove testimonianze e prevede la costruzione di un archivio delle registrazioni originali, con percorsi di accesso e navigazione tematici per la pubblicazione online.

Ciascun singolo incontro è descritto in una scheda d’archivio specifica ricca di metadati: la data della registrazione dell’intervista, gli autori dell’intervista, i nomi dell’operatore, del montatore; ciascuna intervista è descritta analiticamente in singoli segmenti, frammenti di racconto che potranno essere acceduti per temi, parole chiave, luoghi. A ciascuna scheda – intervista è collegata una scheda anagrafica della persona intervistata, corredata del documento di liberatoria, e di eventuali immagini o testi, riguardanti l’intervistata, messi a disposizione durante o dopo l’incontro.

L’archivio sarà presentato durante l’incontro.


Programma

Fondazione AAMOD – Via Ostiense, 106

Incontro dibattito

h.16

“L’importanza di quel voto, in quel momento non l’ho capita come la capisco adesso”

Le donne e la nascita della Repubblica. Lavorare con le fonti orali: metodologie, pratiche, mestieri, strumenti, usi

Interventi previsti:

Luciana Castellina (giornalista), Francesca Koch (Casa internazionale delle donne), Roberta Tucci (antropologa), Sabina Magrini (ICBSA), Flavia Nardelli (parlamentare),  Giulia Rodano (ex assessore Regione Lazio), Marcella Burderi (AISO) Paola Scarnati (AAMOD), Emanuela Mazzina (Archivio digitale Senza Rossetto)

Sarà presente la regista

Silvana Profeta

Modera Vincenzo Vita (presidente AAMOD)

Produttore

Giovanni Bruno (regesta.exe)

Coproduzione

Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico

 h.18 Proiezione del film Senza Rossetto

Ingresso libero

La prenotazione è consigliata: scrivere a eventi@aamod.it 

Scarica la locandina


Segui la pagina Facebook di Senza Rossetto

Il sito del progetto

Dal progetto al film:  Senza Rossetto sul magazine di regesta.exe

 

Share