Un altro passo per gli archivi digitali Pirelli

di 1 Luglio 2015 1
Renato Guttuso, 1959

Renato Guttuso, Copertina della rivista Pirelli, 1959

Un’altra importante svolta sul processo di digitalizzazione e valorizzazione dei propri archivi è stata avviata dalla Fondazione Pirelli. Dal 23 giugno scorso il sito di ricerca è consultabile in doppia lingua (italiano e inglese): se dal punto di vista tecnologico la piattaforma è, dal marzo scorso, già configurata in inglese, da parte della Fondazione tutti i contenuti delle raccolte e serie finora pubblicate sono stati sottoposti nei mesi scorsi a una campagna di traduzione che l’istituto ha richiesto ad agenzie referenziate per la traduzione di contenuti specialistici e che rappresenta un caso di eccellenza nel panorama degli archivi di impresa pubblicati online.

Così, ad esempio, il fascicolo sulla partecipazione di Pirelli all’Esposizione Internazionale di Buenos Aires nel 1910, appartenente alla Miscellanea e contenente tra gli altri bozzetti e minute, è un “dossier”, che ha un “inventory number“, un “period“, e come “sector and content” comprende “Copies of the programme and regulations; posters; handwritten list of the 14 sections of the International Exhibitions and a list of Pirelli products; questionnaire for the jury; publication: “The participation of Italy in the International Exhibitions of Buenos Aires (1910)”; extracts from daily newspapers and copies of magazines; circulars, drafts, memos and minutes“…

IT.PIRELLI.MISC0001.0000011054.0001

Dal fascicolo Partecipazione all’Esposizione Internazionale di Buenos Aires del 1910

Pubblicazioni

Sono stati digitalizzati e pubblicati per la consultazione online tutti i numeri (131 fascicoli) di “Pirelli. Rivista di Informazione e di Tecnica“. Edito dal 1948 al 1972, a cadenza prevalentemente bimestrale, il periodico si afferma come modello di integrazione fra cultura tecnico-scientifica e cultura umanistica. Sulle sue pagine trovano spazio contributi importanti per il progresso e lo sviluppo del nostro Paese. Giornalisti, scrittori, scienziati e importanti personalità della cultura internazionale hanno raccontato lo sviluppo italiano dal secondo dopoguerra fino ai primissimi anni Settanta, da Eugenio Montale ad Alberto Ronchey, da Salvatore Quasimodo a Umberto Eco, da Elio Vittorini a Dino Buzzati; le sue pagine furono illustrate da artisti e disegnatori del calibro di Renato Guttuso, Renzo Biasion, Fulvio Bianconi, Bob Norda e Riccardo Manzi. Bellissimi sono i disegni di Bruno Munari, come quelli della scimmietta Zizì e il clown Tony, premiati al Compasso d’oro, che hanno illustrato la copertina del numero 6/1954.

Entro l’autunno 2015 saranno pubblicate sul portale altre tre riviste: Vado e Torno, Noticias Pirelli e Paginas Pirelli.

 

Un nuovo visualizzatore per leggere e navigare le pubblicazioni digitali online

La fase di digitalizzazione dei numeri della rivista è stata accompagnata da una indicizzazione del testo scansionato, attraverso l’utilizzo del software open source Tesseract in grado di fornire una mappa di coordinate per ogni termine rilevato nella fase di OCR. A seguito della fase di indicizzazione del testo è stato utilizzato un visualizzatore immagini basato sul software open source Bookreader di OpenLibrary, fortemente personalizzato e ottimizzato dal technical lab di regesta.exe, che ha tra l’altro utilizzato lo stesso sistema di indicizzazione (Apache Solr) impiegato nel portale di navigazione degli archivi Pirelli.

Il visualizzatore ctimelineonsente di sfogliare facilmente le immagini dei numeri e di mettere a disposizione una serie di evoluti strumenti per la gestione immagine come lo zooming in e zooming out, la visualizzazione a griglia o doppia pagina ma soprattutto la possibilità di ricercare all’interno del testo degli articoli e presentare un sistema di marker per le pagine che soddisfano il criterio di ricerca. I termini trovati vengono evidenziati all’interno della singola pagina.

 

Il nuovo visualizzatore Bookreader ottimizzato dal technical lab di regesta consente una lettura agile anche online, permette di ricercare nei testi, marcare le pagine e, grazie alla timeline, esplorare cronologicamente i testi

Bookreader è inoltre corredato di un pannello a scomparsa che consente di utilizzare un indice generale dei diversi articoli del numero che si sta consultando. Intuitivo e facilmente usabile è lo strumento di esplorazione cronologica della Rivista: una timeline che consente un accesso rapido ai numeri della rivista e di sfogliarla nel suo insieme.

Il sistema realizzato fa uso di un’architettura aperta e flessibile in grado di consentire la gestione e la fruizione di diverse riviste all’interno del portale.

 


L’immagine dello slideshow su “Mantelline e pipistrelli”, proveiene dall’archivio storico Pirelli e appartiene al “Servizio per la campagna pubblicitaria ‘Viva la pioggia’, di Rodolfo Facchini, 1966.

Share